La ricerca di minerali e' regolata in Piemonte da una legge regionale, alla quale e' scrupolosamente necessario attenersi ! L'ingresso in miniere puo' ancora essere  legato a concessioni ed e' in ogni caso assolutamente sconsigliato a persone senza una specifica esperienza e senza un adeguato equipaggiamento.

Casellette - Valdellatorre - Musine'

 

La zona della bassa Val di Susa alle pendici del Monte Musine', e' famosa per alcuni giacimenti di magnesite, sfruttati nel passato. 

Le prime due cave furono aperte presso il Monte Calvo a nord di Casellete, in prossimita' di un vecchio campo di tiro abbandonato. Un'altra cava fu' aperta 3 km piu' a nord, tra Val della Torre e Givoletto, sotto il monte Bacon.


Vista parziale  delle cave di magnesite di Casellette

La cava piu' importante e' sicuramente quella di Casellette. Si presenta con due scavi principali sulle falde della montagna. E' facilmente raggiungibile attraverso una strada sterrata, non aperta alle automobili.

Il magnesio che era il materiale oggetto della coltivazione, si presenta in forma terrosa e non ha mai avuto grande interesse per i collezionisti.  Il minerale invece che e' stato per molto tempo ricercato dagli appassionati e che caratterizza questa localita' e'  l'opale.  


Opale di Casellette

E' presente un po' dappertutto nel terreno della cava ed e' ancora molto abbondante. Si presenta di colorazione bianca o trasparente con lucentezza perlacea, a volte in campioni di gradevole estetica. 

Piu' raramente sono ritrovabili campioni con colorazioni azzurrognole, gialline o grigie.   Nelle analisi fatte  negli anni passati sui campioni di opale e' stata rilevata la interessante presenza   di Cristobalite ▀.

Il monte Musine' che sovrasta la cava, non e' particolarmente rilevante a livello mineralogico, in quanto e' segnalata solamente la presenza di magnetite e smaragdite

 

 

<<Ritorna a  "Val di Susa">>

 

ę Tiziano Berardi -  Tutti i diritti riservati.